Tag: legittimari

In caso di successione, In Italia ed in base alla normativa ad oggi vigente, è previsto il versamento di imposte solo al superamento di determinate franchigie e con aliquote diverse in base al legame familiare che si aveva con il defunto.

Leggi tutto

Quando una persona muore, i suoi eredi subentrano interamente o per quote in tutti i suoi rapporti patrimoniali, sia quelli attivi che quelli passivi.
E c’è chi al momento del decesso lascia diverse questioni insolute come ad esempio imposte e tasse non pagate, quote condominiali arretrate, debiti verso fornitori, multe e così via.
Ma che succede agli eredi se un eventuale conto in banca con quattro soldi e una vecchia casa diroccata non sono sufficienti a coprire i debiti del defunto?
Capiamolo insieme.

Leggi tutto

Quando una persona muore, tutti i suoi averi cadono in successione, cioè finiscono in quella procedura giuridica con cui si trasferisce il suo patrimonio agli eredi.
Questo ovviamente comprende anche tutto quello che ha in banca, sia che siano soldi liquidi sul conto sia che siano investimenti finanziari.

Questo vuol dire che la banca, per imposizioni di legge, blocca tutto e solo dopo aver ricevuto dagli eredi copia della dichiarazione di successione potrà liquidare a ciascun erede la quota a lui spettante.
E la ripartizione tra gli eredi avviene secondo le regole legali della cosiddetta successione.

Un genitore, però, potrebbe voler dividere i propri averi secondo ciò che lui stesso ritiene più saggio e conveniente per gli eredi.
E così, ad esempio, potrebbe riservare una quota maggiore ad un figlio più bisognoso degli altri o portatore di qualche disabilità.
Oppure ancora potrebbe voler lasciare una quota dei suoi beni ad una persona non prevista dalla legge successoria, magari anche all’amante.
Ma si può fare? Come evitare che i nostri beni vadano a tutti i nostri eredi?
Capiamolo insieme…

Leggi tutto