In tema di pensioni , nel 2024, arriveranno ben 3 importanti novità.

Questo è quanto emerso dal recente consiglio dei ministri.

In questo video scopriremo insieme cosa sono queste 3 novità.

Metto qui sotto il video in cui spiego tutto, ma più sotto, per chi lo preferisce, c’è anche il classico nero su bianco… buona visione o buona lettura.

Per ogni domanda non esitate a contattarmi. Trovate i miei vari canali e contatti cliccando QUI .

Vi suggerisco anche la lettura/visione di :

In generale, ci sono novità per le rivalutazioni delle pensioni in base all’inflazione e, per chi vorrà andare in pensione in anticipo, ci saranno vincoli molto più restrittivi.

Non ci sarà più, infatti, l’Ape Sociale, Quota 103 è stata rivista ed Opzione donna confluisce nella flessibilità in uscita.

Ma andiamo per gradi e capiamo più nel dettaglio queste 3 grandi novità.

La Novità nr. 1. riguarda l’indicizzazione delle pensioni.

Viene infatti rimodulato il meccanismo dell’indicizzazione ed il conguaglio sarà a fasce.

In pratica, la rivalutazione sarà al 100% dell’inflazione solo per chi percepisce una pensione tra la minima e  2.100 euro lordi al mese, ossia 4 volte la minima.

Sopra i 2.100 euro lordi al mese il recupero non sarà più al 100% dell’inflazione, ma andrà dall’85% ad un minimo del 22% in base all’importo della pensione stessa.

Novità nr. 2 Quota 103 diventa Quota 104

Fin dall’insediamento del governo Meloni, il rinnovo di Quota 103 era sembrato probabile, ma il Governo fa manovre in deficit, per cui è stata rivista anche quota 103 per contenere i costi.

Con la nuova Quota 104, per andare in pensione, è necessario aver raggiunto 63 anni ed aver maturato almeno 41 anni di contributi.

Ma, in caso di utilizzo, sono previsti dei disincentivi che pesano sull’assegno mensile della pensione.

Novità nr. 3 Opzione Donna ed Ape Sociale

Le due misure vengono accorpate in un unico fondo per la flessibilità in uscita che consente di andare in pensione a 63 anni con 36 anni di contributi per gli uomini caregiver, disoccupati, impegnati in lavori gravosi e disabili, mentre per le donne gli anni di contributi necessari sono 35 anni.

Riassumendo in pochissime parole, in tema di pensioni gli italiani andranno sempre peggio.

Bene, a questo punto per ogni domanda non esitate a contattarmi, perché anche per oggi è tutto.

Trovate i miei vari canali e contatti cliccando QUI .

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

 Pensioni, le 3 novità della manovra 2024.