Da quanto si può leggere sulla stampa specializzata, una recente indagine demolisce il mito per cui di fronte al Fisco tutti noi siamo chiamati a pagare in proporzione al nostro reddito ed i più ricchi, quindi, pagano di più.

I dati emersi, infatti, indicano che, in maniera perfettamente legale, i più ricchi d’America possono pagare al fisco solo una minuscola frazione della loro immensa ricchezza, ricchezza che così continua a crescere anno dopo anno.

Capiamo insieme come si possono pagare briciole di tasse e se la cosa funziona anche qui a casa nostra…

Metto qui sotto il video in cui spiego tutto, ma più sotto, per chi lo preferisce, c’è anche il classico nero su bianco… buona visione o buona lettura.

Per ogni domanda non esitate a contattarmi. Trovate i miei vari canali e contatti cliccando QUI .

Vi suggerisco anche la lettura/visione di :

In totale, tra il 2006 ed il 2018 il patrimonio di Jeff Bezos, fondatore di Amazon e tra gli uomini più ricchi del mondo, è cresciuto di 127 miliardi di dollari, ma nello stesso tempo ha pagato in imposte solo l’1,1% dell’incremento del suo patrimonio.

Ed il fondatore di Tesla, Elon Musk, tra il 2014 ed il 2018 ha pagato una aliquota fiscale di appena il 3,27%. Un miraggio per noi italiani.

Insomma, come fanno i super ricchi a pagare pochissime tasse?

Nella sostanza la loro ricchezza deriva dall’aumento vertiginoso del valore dei loro asset, come pacchetti azionari di Amazon o Tesla o proprietà immobiliari, valori spesso detenuti all’interno di società contenitore dette holding.

E gli incrementi di valore del patrimonio non vengono contemplati dalle leggi come reddito tassabile fino a quando i beni non vengono venduti.

E con quegli incrementi di valore spesso i super ricchi si fanno finanziare dalle banche per comprare altri asset.

Per essere giusti devo sottolineare che, nel momento in cui volessero liquidare una parte dei propri patrimoni, scatterebbero anche per loro le tasse dovute, ma finché la plusvalenza non viene realizzata, negli Usa non è previsto il pagamento di alcuna tassa.

E da noi in Italia funziona allo stesso modo?

In pratica si, le plusvalenze sugli asset finanziari vengono pagate al momento della liquidazione ed è possibile anche da noi attivare delle speciali società definite holding in cui si possono far confluire asset, immobili o quote societarie, holding che pagherebbe pochissime tasse fino a che i bene in essa contenuti non vengono venduti.

Bene amici, a questo punto per ogni domanda non esitate a contattarmi perché anche per oggi è tutto, quindi vi saluto.

Trovate i miei vari canali e contatti cliccando QUI .

Fisco, come si possono pagare solo briciole di tass?

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.