Il fisco è a caccia di evasori con un algoritmo che effettua controlli incrociati sui conti, le bollette, le spese di casa, le spese sanitarie ed altro.

Come funzionerà? Beh Scopriamolo insieme.

Metto qui sotto il video in cui spiego tutto, ma più sotto, per chi lo preferisce, c’è anche il classico nero su bianco… buona visione o buona lettura.

Per ogni domanda non esitate a contattarmi. Trovate i miei vari canali e contatti cliccando QUI .

Vi suggerisco anche la lettura/visione di :

Secondo un recente articolo apparso sulla stampa, già in questi primi giorni di luglio dovrebbero essere partiti nuovi controlli incrociati tra diversi database pubblici per stanare i cittadini a più alto rischio di evasione fiscale.

Un nuovo provvedimento governativo farà scattare l’incrocio di informazioni tra database diversi per trovare i contribuenti italiani a più alto rischio evasione.

Nel mirino dell’Agenzia delle Entrate finiranno diversi dati, da quelli dei conti correnti, alle carte di credito, alle spese per lo sport, ai registri immobiliari e mobiliari, fino alle spese di casa e sanitarie

L’obiettivo dichiarato è quello di attivare tutti gli algoritmi per trovare i contribuenti da sottoporre a controllo.

Ed il governo, nella sostanza dei fatti, vorrebbe spingere i contribuenti all’adempimento spontaneo.

In pratica, dai dati emersi dagli incroci, partiranno delle lettere in cui verrà detto al cittadino pizzicato di saldare il conto prima che venga avviato un vero e proprio accertamento formale. 

E l’impegno dell’Italia con l’Europa prevede circa 2,5 milioni di lettere, quindi occhio al postino.

Bene amici, a questo punto per ogni domanda non esitate a contattarmi perché anche per oggi è tutto, quindi vi saluto.

Trovate i miei vari canali e contatti cliccando QUI .

Conti Correnti, Bollette ed Evasione Fiscale: al via i controlli incrociati con l’algoritmo

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.