In questa era digitale le novità sono sempre tante ed è importante capire alcune delle basi per padroneggiare un minimo la tecnologia di cui possiamo disporre.

Capiremo cioè insieme e soprattutto in modo semplice cosa sono Apple o Samsung o Google pay o Nexi o qualunque altro tipo di pagamento digitale.

Ti metto qui il video in cui ti spiego tutto, ma, se preferisci, sotto ti metto anche il classico nero su bianco. Buona visione o buona lettura.

IO : In questa era digitale le novità sono sempre tante e Lucia, che è una giovane 20enne, ci aiuterà a capire alcune delle basi per padroneggiare un minimo la tecnologia di cui possiamo disporre.

Capiremo cioè insieme e soprattutto in modo semplice cosa sono Apple o Samsung o Google pay o Nexi o qualunque altro tipo di pagamento digitale, ma faremo tutto questo dopo la sigla.

LEI: I pagamenti mobili, cioè tramite smartphone, sono sempre più comodi e utilizzati da noi giovani. E tra i più conosciuti ci sono proprio quelli che vi ha già citato Christian.

IO : Lucia possiede un Iphone e ci parlerà del sistema di ApplePay, ma il procedimento ed i chiarimenti valgono anche per gli altri metodi di pagamento digitale che abbiamo citato, metodi che permettono cioè di fare acquisti e di pagare in maniera elettronica attraverso delle app nel cellulare o anche nei più moderni orologio come l’Apple Watch o anche lo Swatch 

Queste app utilizzano tecnologie note come NFC e MST e funzionano in maniera molto semplice e veloce. 

LEI : Prima di tutto dovete inserire all’interno dell’app le informazioni delle carte che utilizzate normalmente per i vostri pagamenti e cioè bancomat o carta di credito. Una volta aperta la app, invece di inserire manualmente i dati, potete anche fare una semplice foto alla carta ed eventualmente inserire manualmente solo le 3 cifre di sicurezza che ci sono sul retro della carta stessa.

IO : Nel caso di Apple questa app si chiama Wallet, termine inglese che vuol dire appunto portafoglio perché nella sostanza si tratta di un vero e proprio un portafoglio virtuale all’interno del quale possiamo inserire tutte le carte che vogliamo. Per i sistemi non Apple le varie app hanno ovviamente nomi diversi, ma sono sempre app di portafogli virtuali.

LEi : Dopo aver inserito la vostra carta nell’app, per pagare i vostri acquisti, basta avvicinare lo smartphone al POS contactless del negoziate e autorizzare il pagamento con un pin o ancora più comodamente con la vostra impronta digitale o tramite il riconoscimento facciale.

IO : In pratica Lucia ci stai dicendo che possiamo pagare comodamente con il nostro smartphone senza bisogno di portarci dietro né contante né bancomat o carte di credito? 

LEI : Certo, è proprio così. Grazie a questa modalità di pagamento, il vostro portafoglio o la vostra borsa saranno leggeri come non lo lo sono mai stati. Comodo vero?

Vi suggerisco anche la lettura/visione di :

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

#cattolica #riccione #Rimini #gabiccemare #consulentefinanziario #consulente #privatebanker #banca #banche
#economia #finanza #risparmi #risparmio #investimenti #investimento #samsungpay #applepay #nexi