Sei dipendente?

Ti ha mai detto nessuno che anche da dipendente potresti minimizzare l’obolo che lasci al fisco italiano su alcune questioni ?

Ti sembra strano ? Beh capiamo assieme meglio di che parlo…..

Sai che cos’è il Tfr? Beh, il Trattamento di Fine Rapporto, meglio conosciuto come “liquidazione”, è una somma che da dipendente riceverai al momento in cui smetterai di lavorare presso la tua azienda attuale, sia che tu cambi lavoro, sia che tu vada in pensione.

Dalla legge italiana, inoltre, è prevista per te la possibilità di poter richiedere al tuo titolare, con alcune restrizioni ma anche prima del termine del rapporto di lavoro, un anticipo sul Tfr maturato.

Immagino che a questo punto ti starai chiedendo, che centrano le tasse con il mio Tfr ?

Beh devi sapere che, momento della percezione del Tfr, l’importo da te maturato verrà “tagliato” dalle tasse. E di quanto? Beh la legge attuale parla di una tassazione percentuale pari all’aliquota media Irpef con riferimento agli ultimi 5 anni di lavoro.

E quanto è questa aliquota media Irpef? Beh dipende dal tuo livello di reddito, più guadagni più paghi, ma va comunque da un minimo del 23% ad un massimo del 43%.

Facciamo un esempio e capiamo di che ammontare di tasse stiamo parlando.

Immaginiamo che tu abbia accumulato un Tfr di 50.000,00 euro lordi e che la tua aliquota media sia del 30%. Beh, in questo caso, dai 50.000,00 euro maturati te ne verranno “trattenuti” dal fisco ben 15.000,00, facendoti cioè incassare solo 35.000,00 euro.

Tanto vero ?

Beh immagino a questo punto ti starai proprio chiedendo se e come potresti evitare di “elargire” tanti soldi al fisco. Beh seguimi ancora un attimo che te lo spiego…..

Senza scendere nei dettagli della normativa, diciamo che per te è possibile scegliere di non lasciare la tua liquidazione come Tfr, ma di fartelo versare dall’azienda in un tuo fondo pensione.

Il fondo pensione è lo strumento che ti permette di costruirti una tua pensione integrativa, ovvero da affiancare e per integrare la pensione pubblica, ma che, anche solamente considerando la “liquidazione”, ti permetterebbe un grosso risparmio fiscale.

Come mi chiedi ?

Beh, devi sapere che l’aliquota fiscale con cui vengono tassati gli accumuli sul fondo pensione va da un massimo del 15% ad un minimo del 9% in base al numero di anni di tua iscrizione al fondo.

Quindi, tornando all’esempio di prima, i 50.000,00, se non fossero rimasti Tfr, ma fossero stati destinati ad un fondo pensione, anche applicando l’aliquota massima del 15%, ti verrebbero tassati di soli 7.500,00 euro ed incasseresti 42.500,00 euro invece di 35.000,00.

Con l’aliquota minima del 9%, inoltre, la tassazione sarebbe di soli 4.500,00 euro ed incasseresti 45.500,00 euro invece di 35.000,00. Ben 10.500,00 euro in più !

Alla fine dei conti, quindi, facendo una scelta diversa, anche da dipendente potresti risparmiare tante tasse. Un risparmio che, nell’esempio fatto, va da un minimo di 7.500,00 euro ad un massimo di 10.500,00.

Non sarà il famoso “oro del Reno”, ma invece che lasciarli nelle casse dello Stato potresti farci una bellissima vacanza ai tropici.

Che ne dici, interessante ?

E la tua azienda sarà favorevole a questo tuo cambiamento? Certamente si. Anche le aziende, infatti, nel versare la tua liquidazione ad un fondo pensione, avrebbero dei benefici in termini di costi. In merito puoi leggere e far notare al tuo datore di lavoro il mio articolo “Costo del personale, come ridurlo nel 2019 !? ” .

Attento, però. Perché per fare una scelta consapevole, prima devi farti spiegare bene tutta la normativa che riguarda i fondi pensione e le varie opzioni sia per richiedere anticipi sia a scadenza. Ed alla fine, ma non meno importante, scegliere accuratamente la società ed il consulente a cui affidarti. In questo caso, possiamo proprio dire che ne va del tuo futuro….

Per questo, quindi, contattami !!

Sul tema puoi leggere anche :

risparmiare sulle tasse

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

#consulentefinanziario #consulenzafinanziaria #consulentefinanziariocattolica #consulentefinanziarioriccione #consulentefinanziariorimini #consulentefinanziariogabiccemare #tasse #pagaremenotasse #risparmiofiscale #risparmiaresulletasse