Ex dirigente bancario parla di banche di prossimità, ovvero le banche locali, quelle del territorio, banche come le nostre Bcc, Popolari o Casse di Risparmio.

Chi parla, in una intervista televisiva su La7 (4,34 minuti che ti suggerisco di vedere al link sotto), non è l’ultimo arrivato, ma Vincenzo Imperatore, laureato con il massimo dei voti in Economia e Commercio, per 22 anni manager di Unicredit, consulente aziendale specializzato nei processi di riorganizzazione delle piccole imprese, giornalista e conduttore di un programma radiofonico di educazione finanziaria.

Ecco alcuni punti da cui trarre insegnamento.

<<…..l’Italia intera vive del supporto delle piccole banche del territorio ed è piena di azioni (di banche Popolari) o quote, vendute in maniera subdola, forzatamente, senza far assumere consapevolezza…….azioni fatte in maniera sistematica….>>.

La solidità del sistema bancario <<…….la fantomatica solidità del nostro sistema bancario…..lo sentiamo ripetere sistematicamente ad ogni legislatura e taac ne saltano 4 (di banche)……ma anche la mafia è un sistema solido…..non è più credibile, non ispira più fiducia…..>>.

Trasformazioni di Bcc e Popolari <<……le Bcc e le banche Popolari stanno per trasformarsi in mega struttura, grandi gruppi Spa, ma le delibere le devono fare i soci…..nel momento in cui si delibera il passaggio al gruppo cooperativo loro perdono il diritto di recesso e non lo dice nessuno…..non possono più vendere le azioni….hanno un grosso potere tra le mani, non autorizzassero il passaggio al gruppo cooperativo….anche un minimo di consapevolezza il risparmiatore lo deve avere….>>.

Perché i bilanci delle banche sono falsi <<……non danno conto di quanti dei loro crediti sono inesigibili….peggio ancora, tra i crediti sani, tanti non sono per niente sani, ma li tengono in quella categoria perché nel momento in cui passano a deteriorati si deteriora quel Cet1 (indice di solidità della banca) ….quindi il Cet1 è falso…..i bilanci delle banche sono falsi…..>>.

Che autorità certifica se un credito è sano o deteriorato? <<…..Banca d’Italia per le banche piccole, e Bce per le banche di grandi dimensioni…..questo controllo non viene fatto perché esiste un rapporto incestuoso tra Banca d’Italia, banche e Stato dovuto al problema del debito pubblico…..oggi il Debito Pubblico italiano lo acquista solo il sistema bancario italiano…….le banche sono una stampella talmente importante per lo Stato che lo Stato chiude un occhio sulle loro marachelle nei bilanci…

Che insegnamenti trarre da questa intervista ?

Beh la prima in tanti l’hanno già capita (o avrebbero dovuto) ed è non fidarsi dell’oste (la banca locale) che ti dice che il suo vino (le sue azioni) è buono (da solo utili e non cala mai).

La seconda è che se c’è un rapporto incestuoso tra banche e Banca d’Italia, forse una banca di grandi dimensioni, che oggi è controllata e vigilata a livello europeo, una piccola garanzia in più di trasparenza dovrebbe darmela.

La terza e più importante è che non possiamo fidarci solamente del cet1 o qualunque altro indicatore che comunica (anche se certificato) la stessa banca a cui affidiamo i nostri risparmi, ma dobbiamo adottare noi altri accorgimenti per la sicurezza dei nostri risparmi.

Su questo punto ci sarebbe tanto da dilungarsi. Se vuoi farlo o se non ti è chiaro al 100% quello di cui parlo…..contattami !!

Video citato al link L’ex bancario (pentito): ‘Vi spiego perché i bilanci delle banche sono falsi’ 

Link alternativo del video L’ex bancario (pentito): ‘Vi spiego perché i bilanci delle banche sono falsi’

Sul tema raccomando anche la lettura di :

bcc, cassa di risparmio, banca popolare

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.