Un recente articolo de “Il Corriere” ci ricorda che “….la tenuta del sistema pensionistico italiano è garantita da tasse e deficit pubblico, necessari a colmare il disavanza lasciato da contributi insufficienti…..”.

Già, perché il sistema previdenziale Inps è un sistema a ripartizione che si basa sull’idea di “mutalità generazionale”, ovvero chi è in pensione è pagato tramite i contributi dei lavoratori attivi (si veda l’illuminante vignetta a fondo pagina) .

Ma ci sono già nodi al pettine ed altri ne stanno inesorabilmente arrivando: la popolazione invecchia (ci sono sempre più anziani rispetto ai giovani); l’età media si allunga sempre più (si vivono più anni da pensionati) ed i giovani hanno sempre più spesso contratti con pochi o nulli contributi. Per questo il disavanzo lasciato dai contributi insufficienti deve essere colmato da tasse e deficit pubblico.

L’articolo citato prosegue sottolineando che “…..Ogni anno, la spesa per le pensioni pubbliche supera i contributi versati di 88 miliardi di euro. Si tratta dello scarto più vasto dell’Unione europea dopo quello dell’Austria…..”

Ora vari politici italiani cavalcano il populismo elettorale vedendo un “equilibrio”, possibili cambi di rotta, revisioni di leggi e modifiche in corso al sistema, ma il Corriere ci ricorda anche che “…..L’Italia oggi è il Paese dove le pensioni costano di più in Europa (15,7% del reddito nazionale), è fra quelli dove nei fatti si va in pensione prima (62,4 anni) ma è fra quelli che segnano il maggiore calo di spesa entro il 2060 (meno 1,9%). Neanche a quel punto però il sistema sarebbe «in equilibrio»: dopo la riforma Fornero oggi in vigore, lo scarto fra contributi versati e pensioni da pagare nel 2060 sarebbe pari al 3,2% del reddito nazionale, 54 miliardi di euro attuali…..”.

Fantastica la chiusura dell’articolo per cui “…..A mettere in circolazione fake news in Italia ci pensa chi dovrebbe governarla“. Ed i cittadini fiduciosi, a volte ingenui e spesso frastornati dalle false e/o distorte notizie, potrebbero crederci.

Ma la domanda vera, alla luce dei dati, è : durerà tutto questo? O ci troveremo un giorno non tanto lontano senza più pensione pubblica? Adotteremo presto in Italia il modello americano in base al quale la pensione, se la si vuole, la si paga privatamente?

Per maggiori info, un confronto e/o correre ai ripari, non esitare a contattarmi !
images036TP6B5

Articolo citato al link : Pensioni, uno squilibrio (italiano) da 88 miliardi.

Immagine  “Previdenza Sociale, come funziona” :
Previdenza Socile come funziona

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.